fbpx

 Antonello Radicchi, Formatore

" Il denaro, senza sacrificio non può comprare cultura o apprendimento, ma può benissimo acquistare cavalli e attrezzatura, rendendo il cavaliere più povero di quanto lui pensi "

Rimasi con il maestro Girardon per tre anni. Nel 1990 espletati i compiti di leva (servizio militare) aprii un mio centro in Umbria, nell’alta Valle del Tevere nei pressi di Città di Castello dove tutt’ora opero. Ho fatto esibizioni in doma classica ed in doma Vaquera un po’ in tutta Italia, da C. di Castello a Palermo (Medicavalli-1999 e 2000) a Forlì, a Urbino, a Torino, Verona, etc. per circa 15 anni, e fui l’unico in Italia a portare uno stallone puro sangue arabo nelle arie alte, da sella e alle redini lunghe. Nel 2001 ho partecipato a gare di dressage per conseguire la patente di I° grado-dressage FISE. Anno 200…partecipazione a gare di dressage ANICA, con qualifica per il Campionato Italiano a Verona: II°posto assoluto. Dall’anno 200.. fui consigliere della S.I.A.E.C.- Scuola Italiana di Arte Equestre Classica (nome originale dell’attuale S.I.A.E.C.-Società Italiana di Arte Equestre Classica…), ho partecipato a molti stage di Philippe Karl dai primi anni che venne in Italia al Club 2000 di Pavarotti, centro equestre sotto la direzione di Tiziano Bedonni, ricevendo in addestramento alcuni soggetti del Maestro Luciano Pavarotti destinati al S.O. La conoscenza del maestro Karl mi aprì alla filosofia della“leggerezza” che sentivo giusta, funzionale e motivante per una equitazione corretta e giustificata. Nel 1999 mi sono interessato a stages di isodinamica con il maestro Andrè Bourlet Slavkov. Negli anni 2000-2001, ebbi una collaborazione attiva con il Comune di San Fratello in Sicilia, per la promozione e lo sviluppo del cavallo San Fratellano. In seguito a corsi da me tenuti presso le strutture di allevamento e lavoro di questa originaria razza che ha oggi il proprio stud-book, ho ricevuto in addestramento dei soggetti che ho presentato in gare di dressage con apprezzabili e vincenti risultati. Attualmente lavoro con soggetti di questa razza anche per la disciplina del volteggio oltre che per la scuola e la campagna. 2000: Stages in Francia nella scuderia di Pilippe Karl con un cavallo S.Fratellano divenuto poi campione regionale di dressage sotto la guida di Maria Francesca Patrizi. Ho inoltre studiato le numerose correnti frutto dell’introduzione dell’etologia in campo equestre, come la doma dolce, l’imprinting e così via partecipando a numerosi stages. Dal 2003 sono responsabile ufficialmente dell’Allevamento di Reschio, dedicandomi esclusivamente a spettacoli privati nella tenuta di Castello di Reschio e a seguire le fecondazioni, le nascite e la crescita dei puledri ed il loro conseguente addestramento sempre ed esclusivamente su basi etologiche. www.reschio.com Grazie a questo “rinchiudermi”in un ambiente fuori dal caotico succedersi di lavori di addestramento di tanti, troppi cavalli, stages, gare ed esibizioni, ho potuto concentrare la mia attenzione su un approfondimento “qualitativo”, teorico e subito pratico dell’etologia. Senza la pressione del “dimostrare” o del “dover dare subito risultati”, questi ultimi sono arrivati e sono per me i più importanti. Dall’inizio della mia carriera ad oggi ho addestrato e rieducato più di 500 soggetti nelle più svariate discipline: Volteggio, attacchi, Salto ostacoli, dome da lavoro, redini lunghe, ecc. Dall’osservazione del linguaggio dei cavalli nel branco, dallo studio anatomico funzionale, dall’applicazione dell’etologia nella relazione uomo-cavallo, ho sviluppato la tecnica dell’associazione tra capezza e filetto, con l’intento di applicare in sella la stessa coerenza comunicativa del linguaggio etologico così efficace da terra. Questo lungo cammino di sperimentazioni su numerosi soggetti mi ha portato al raggiungimento di ottimi risultati dimostrabili a più livelli. Vista la bontà e la naturalezza del metodo (riscontrato nelle risposte e di conseguenza negli atteggiamenti positivi del cavallo) eseguendo cioè, in leggerezza, con una semplice cavezza tutte le figure della doma classica, l’esigenza del diffondere tale metodo non poteva che diventare il mio obiettivo principale. Da tutto ciò nasce la scuola del F.E.E.L. Scusate ma più stringato di così non potevo essere. Grazie per la vostra attenzione. F.E.E.L (Formazione Etologia Equitazione Leggerezza) Antonello Radicchi
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top