fbpx

Bit or Bitless?

Di Alice Arcangeli

Quando mi relaziono con nuovi allievi o semplici curiosi, molto spesso quello che li allontana è il “montare senza imboccatura”, semplicemente perché a loro non interessa, o perché hanno avuto brutte esperienze, perché hanno visto esempi negativi o ancora, perché i loro cavalli vanno tanto bene con il filetto.

Ottimo, mettiamo in risalto una cosa non da poco, la completezza di questa scuola, che spazia dal lavorare da terra ed in sella, in filetto, in capezza o in doppia redine. Non devi per forza arrivare a portare il tuo cavallo in piaffe in capezza. La tua ambizione può essere andare tranquillamente in passeggiata con il tuo cavallo, fare una gara di dressage in filetto (ancora non è permesso partecipare in capezza), fare un percorso di salto ostacoli senza il cavallo che scappa sui salti... quindi la domanda giusta non è “se io faccio lezione con te, cosa mi devi far fare?” sarebbe meglio parlare di “cosa vorresti fare tu con il tuo cavallo?” e non è una cosa così scontata.

 

Io per prima sono stata anni a montare con un filetto semplice, consapevole del fatto che in bocca al mio cavallo avevo un pezzo di ferro che andava gestito con criterio. Ma ho sempre pensato che sia meglio una mano che sappia lavorare in leggerezza tramite un imboccatura piuttosto che una mano con poco tatto o inesperta sulla capezza.

 

Perché parliamoci chiaro, montare senza imboccatura non è tutto rosa e fiori come si può pensare. Ci troviamo a gestire un animale di oltre 400 kg con una semplice capezza imbottita di cuoio, ci dovrà  essere una buona preparazione alla base? Poi sicuramente ci sono tantissimi cavalli bravi e buoni con cui non troverai mai nessuna opposizione (lo sappiamo, sono animali veramente tanto permissivi), ma riuscire a fare un lavoro avanzato in capezza non è semplice. Anche solo per una questione di ginnastica. Non sto parlando di fare le tre andature, di gestire le transizioni e di girare a destra o a sinistra (che per carità, è già un super risultato secondo me), sto parlando di lavorare un cavallo in equilibrio, di gestire le varie andature in sicurezza, di lavorare sulle sue asimmetrie e sviluppare una muscolatura corretta, di gestire la sua posizione dell'incollatura dall'estendersi al rilevarsi, di fare il lavoro di base, fino a quello su due piste e alle riunioni.

 

Tutto questo senza avere 20 kg in mano.

 

Eh, qui si apre un mondo, perché se a me basta mezzo grammo di pressione sulle redini per chiedere una cessione dell'incollatura con il filetto, voglio che me ne serva ancora meno per gestirlo in capezza. Non voglio scendere da cavallo dopo un’ora di lezione e ritrovarsi le braccia di un pugile. Allora metto un semplice filetto e fine della storia.

 

Perché dovrei togliere l'imboccatura al mio cavallo? In primo luogo perché qualsiasi imboccatura, e ce ne sono fin troppe sul mercato, crea fastidio al cavallo, e non venitemi a raccontare la storia dell'accettazione all'imboccatura, cominciamo a chiamarla per quello che è “la rassegnazione all'imboccatura”.

Ma tralasciando questo concetto, (se si può tralasciare) ....

 

Quello che ha spinto me a togliere il filetto (e vorrei sottolineare che sono una persona scettica, testarda che prima di cambiare qualcosa deve essere sicura al 101%) è stato questo concetto:

“Se devo togliere l'imboccatura al mio cavallo e a quelli che lavoro tutti i giorni, sarà perché devono andare meglio in capezza che con il filetto”

 

Ed è proprio qui che c’è la svolta, non solo i cavalli erano più sereni e collaborativi, perché sicuramente a parità di pressioni il cavallo ne preferisce senza dubbio una fuori dalla bocca, ma le richieste erano subito percepite, mi leggevano ancora prima che io potessi chiedergli qualcosa. Più veloce di quanto io potessi pensare erano in mano, decontratti, leggeri in avanti... cavolo. Quanto mi ero persa prima?

Ora, io non voglio spingere nessuno a togliere l’imboccatura al vostro cavallo, non voglio convincervi affatto. Vorrei farvi provare, sentire e capire. Ma questo arriva con il tempo, o non arriverà mai, non importa. Possiamo continuare a montare con un semplice filetto per tutta la vita e avere cavalli leggeri, volenterosi e disponibili a fare tutto quello che gli chiediamo. Nessuno qui condanna l'imboccatura. Se ne condanna un cattivo utilizzo, si condannano le maniere coercitive e il dolore per queste povere bestie fin troppo sfruttate e ben poco comprese

Alice Arcangeli

Chiama 3474330500

Invia Email: a.alicearcangeli@gmail.com

Indicazioni stradaliVia Pallada, 547, 47822 San Martino dei Mulini RN, Italia

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top